Che cos’è un worm informatico? I 9 esempi più terribili

Di Tibor Moes / Aggiornato: Gennaio 2024

Che cos'è un worm informatico? I 18 esempi più terribili

I worm informatici rappresentano una minaccia significativa per la sicurezza informatica, in grado di causare danni diffusi alle infrastrutture digitali e ai dati personali.

In questo articolo, esploreremo i nove attacchi di worm informatici più devastanti della storia, fornendo approfondimenti sul loro impatto e sulle lezioni apprese da ciascun incidente.

Worm informatica significato: Un worm informatico è un pezzo di malware che si copia automaticamente da un computer all’altro.

  • Morris Worm (1988): Uno dei primi worm a ottenere un’attenzione diffusa, ha rapidamente infettato una parte significativa dei primi computer di Internet. Ha causato danni stimati in milioni, colpendo circa 6.000 computer.
  • Melissa (1999): Questo worm si è diffuso via e-mail, causando disturbi diffusi e richiedendo costose operazioni di pulizia. Il danno totale è stato stimato in circa 80 milioni di dollari.
  • Worm ILOVEYOU (2000): Travestito da lettera d’amore, questo worm ha rapidamente infettato milioni di PC Windows in tutto il mondo. Sono stati colpiti oltre dieci milioni di computer.
  • Worm Code Red (2001): Prendendo di mira il software del server web IIS di Microsoft, ha infettato oltre 359.000 sistemi in meno di 14 ore, causando oltre 2 miliardi di dollari di danni.
  • Slapper (2002): Un worm che ha preso di mira i sistemi Linux, con un picco di circa 7.000 server infetti. Si è distinto per la creazione di una rete di computer compromessi.
  • SQL Slammer (2003): Questo worm a rapida diffusione ha colpito oltre 250.000 computer in tutto il mondo, con un impatto sulla velocità e sui servizi Internet. Ha evidenziato le vulnerabilità nei sistemi di gestione dei database.
  • Verme Mydoom (2004): Noto per la sua rapida propagazione via e-mail, Mydoom ha causato danni stimati in 38 miliardi di dollari. Ha infettato circa 50 milioni di computer in tutto il mondo.
  • Sasser (2004): Sfruttando una vulnerabilità di Windows, Sasser ha infettato circa 2 milioni di computer. Ha causato frequenti crash e riavvii, interrompendo le operazioni a livello globale.
  • Stuxnet (2010): Un sofisticato worm che ha preso di mira i sistemi di controllo industriali, ha rovinato un quinto delle centrifughe nucleari iraniane e degradato 1.000 macchine. Oltre 200.000 computer sono stati infettati.

Non diventi vittima del crimine informatico. Protegga i suoi dispositivi con il miglior antivirus e la sua privacy con la migliore VPN.

Esempi di worm informatici

1. Verme Morris (1988)

Alla fine degli anni ’80, il mondo digitale ha assistito a una delle prime grandi crisi di sicurezza con la comparsa del Morris Worm. Questo pezzo di codice apparentemente innocuo, creato da uno studente laureato della Cornell University, Robert Tappan Morris, è andato rapidamente fuori controllo.

In sole 24 ore dal suo rilascio, il worm si era infiltrato in circa 6.000 computer. Questo numero potrebbe sembrare modesto rispetto agli standard odierni, ma si trattava di una percentuale significativa dei circa 60.000 computer connessi all’allora nascente Internet.

Le ripercussioni finanziarie sono state sbalorditive. Come riportato dall’FBI, le valutazioni iniziali dei danni partivano da 100.000 dollari, ma quando è diventata chiara la portata dell’impatto del worm, queste cifre sono schizzate a milioni.

Il Morris Worm è stato un campanello d’allarme, evidenziando la fragilità dei sistemi informatici interconnessi e il potenziale caos che potrebbe essere scatenato da un singolo pezzo di codice maligno.

2. Melissa (1999)

Nel 1999, il paesaggio digitale ha affrontato un’altra sfida formidabile con il virus Melissa. Chiamato così in onore di una ballerina esotica della Florida, questo virus era frutto dell’ingegno di David L. Smith.

Melissa si mascherava come un innocuo allegato e-mail ma, una volta aperto, si replicava inviando messaggi ai primi 50 contatti della rubrica di Microsoft Outlook dell’utente. Questa rapida moltiplicazione ha causato un’enorme pressione sui server e-mail di tutto il mondo.

L’FBI ha stimato il danno collettivo causato dal virus Melissa in circa 80 milioni di dollari. Questa cifra sbalorditiva è stata attribuita principalmente alla pulizia e alla riparazione dei sistemi informatici colpiti. La furia di Melissa è servita a ricordare le vulnerabilità insite nei software più diffusi e la facilità con cui un virus ben realizzato può distruggere l’infrastruttura digitale globale.

3. Verme ILOVEYOU (2000)

L’inizio del millennio ha visto la comparsa di uno dei worm informatici più famigerati della storia: il worm ILOVEYOU. Questo worm dal nome ingannevole ha scatenato il caos su scala globale, sfruttando la curiosità e la fiducia umana.

Travestito da lettera d’amore inviata via e-mail, il worm ha attirato gli utenti ad aprire un allegato che ha scatenato il suo carico utile dannoso. Secondo Wired.com, il worm ILOVEYOU si è diffuso rapidamente in tutto il mondo, infettando oltre dieci milioni di personal computer Windows a partire dal 5 maggio 2000.

La semplicità del suo metodo di distribuzione – un’e-mail da un contatto noto con un oggetto allettante – ha giocato un ruolo chiave nel suo impatto diffuso. Il worm ILOVEYOU non solo ha causato una sostanziale perdita di dati sovrascrivendo i file, ma ha anche evidenziato le vulnerabilità dei sistemi di comunicazione basati sulla posta elettronica e la necessità di una maggiore consapevolezza sulle pratiche di sicurezza digitale tra i singoli utenti.

4. Codice Rosso Worm (2001)

Un anno dopo l’incidente ILOVEYOU, il mondo digitale ha affrontato un’altra minaccia significativa: il worm Code Red. Questo worm ha preso di mira i computer con il software server web IIS di Microsoft, sfruttando una vulnerabilità di buffer overflow per replicarsi e diffondersi attraverso le reti.

La velocità e la portata della sua diffusione sono state allarmanti: come riportato dai ricercatori David Moore, Colleen Shannon e Kimberly C. Claffy, Code Red ha infettato oltre 359.000 sistemi in meno di 14 ore. La rapida proliferazione del worm non solo ha causato rallentamenti di Internet, ma ha anche compromesso la sicurezza dei sistemi colpiti.

Il tributo finanziario del worm Code Red è stato immenso, con un danno totale stimato in oltre 2 miliardi di dollari. Questo incidente ha sottolineato l’importanza di aggiornamenti e patch software tempestivi, nonché la necessità di misure di sicurezza solide per proteggere le infrastrutture critiche di Internet.

5. Schiaffone (2002)

Nel 2002, il mondo digitale si è imbattuto in una minaccia unica che ha preso di mira i sistemi basati su Linux: il worm Slapper. A differenza dei suoi predecessori, che hanno preso di mira principalmente i sistemi Windows, Slapper ha sfruttato una vulnerabilità nella libreria software crittografica OpenSSL, utilizzata da molti server con Linux. Secondo CNET.com, la diffusione di questo worm alla fine si è fermata a circa 7.000 server.

Sebbene questo numero possa sembrare modesto rispetto ad altri focolai massicci, l’importanza di Slapper risiedeva nel suo metodo di attacco. Ha creato una rete di computer infetti, nota come botnet, che poteva essere utilizzata per attacchi coordinati o per diffondere e-mail di spam.

Il worm Slapper è stato un campanello d’allarme per la comunità Linux, sottolineando la necessità di una vigilanza costante e di aggiornamenti regolari anche nei sistemi considerati più sicuri delle loro controparti Windows.

6. SQL Slammer (2003)

L’anno successivo, nel 2003, è emerso il worm SQL Slammer, che ha causato un’interruzione diffusa. Questo worm sfruttava una vulnerabilità nei prodotti database SQL Server e Desktop Engine di Microsoft. SQL Slammer è stato incredibilmente efficiente nel suo design, consentendogli di diffondersi rapidamente in tutto il mondo. WeLiveSecurity.com riporta che, a livello globale, si ritiene che oltre 250.000 computer siano stati colpiti da questo worm.

L’impatto di SQL Slammer non è stato solo nel numero di sistemi infetti, ma anche nei danni collaterali che ha causato. Ha rallentato in modo significativo il traffico internet generale e ha persino causato interruzioni in alcuni servizi critici, tra cui i prelievi bancomat e gli orari dei voli delle compagnie aeree.

L’incidente di SQL Slammer ha evidenziato le conseguenze di vasta portata degli attacchi informatici ai servizi e alle infrastrutture essenziali, sottolineando la necessità critica di pratiche di codifica sicure e di applicazione tempestiva delle patch di sicurezza.

7. Verme Mydoom (2004)

Nel 2004, il worm Mydoom è emerso come una delle epidemie di malware più dannose della storia. Secondo NordVPN.com, Mydoom ha causato ben 38 miliardi di dollari di danni, guadagnandosi il famoso titolo di uno dei peggiori virus di sempre.

Questo worm si è diffuso principalmente attraverso la posta elettronica, con messaggi che contenevano un oggetto ingannevole per invogliare i destinatari ad aprire l’allegato, innescando così il worm. Una volta attivato, Mydoom si replicava e si inviava agli indirizzi e-mail presenti nell’elenco dei contatti dell’utente, moltiplicando rapidamente la sua portata.

I ricercatori di sicurezza stimano che Mydoom abbia infettato circa 50 milioni di computer in tutto il mondo, dimostrando la sua efficienza devastante.

L’impatto finanziario di Mydoom è stato avvertito in vari settori, dai singoli utenti alle grandi aziende, evidenziando le ampie vulnerabilità dei sistemi di comunicazione e-mail e la necessità di misure di sicurezza complete.

8. Sasser (2004)

Sempre nel 2004, il mondo digitale ha affrontato un’altra minaccia significativa, rappresentata dal worm Sasser. A differenza di Mydoom, Sasser non richiedeva l’interazione dell’utente per diffondersi. Invece, sfruttava una vulnerabilità in Microsoft Windows. Una volta infettato un computer, il worm effettuava la scansione di altri sistemi vulnerabili e si propagava.

Secondo Wikipedia.org, Sasser e le sue varianti hanno infettato circa 2 milioni di computer in tutto il mondo. Il worm causava crash e riavvii frequenti dei computer, causando interruzioni significative delle operazioni personali, aziendali e persino dei servizi pubblici critici.

L’epidemia di Sasser ha sottolineato l’importanza degli aggiornamenti regolari dei sistemi e le potenziali conseguenze delle vulnerabilità di sicurezza non patchate. Ha anche evidenziato la necessità di una maggiore consapevolezza e preparazione contro tali minacce, soprattutto nei settori delle infrastrutture critiche.

9. Stuxnet (2010)

Nel 2010, il mondo ha assistito a una nuova era della guerra informatica con la scoperta di Stuxnet, un worm informatico altamente sofisticato e mai visto prima. Stuxnet non era solo uno strumento per il furto di dati o l’interruzione del sistema; era un’arma progettata per il sabotaggio fisico.

Secondo M.A.C. Solution, Stuxnet ha avuto un impatto devastante sul programma nucleare iraniano, riportando la distruzione di quasi un quinto delle centrifughe nucleari del Paese. Il worm ha preso di mira in modo specifico i sistemi di controllo industriale utilizzati nelle infrastrutture critiche, segnando un cambiamento significativo nella natura delle minacce informatiche.

Stuxnet ha infettato oltre 200.000 computer, ma la sua capacità più allarmante è stata quella di causare danni fisici. Il worm ha fatto degradare fisicamente 1.000 macchine manipolando i processi di controllo industriale che erano stati progettati per salvaguardare.

Questo livello di sofisticazione nel design di Stuxnet gli ha permesso di rimanere inosservato mentre svolgeva i suoi compiti distruttivi, dimostrando un nuovo livello di minaccia informatica che potrebbe colmare il divario tra il mondo digitale e quello fisico.

Conclusione

La storia dei worm informatici, dal Morris Worm nel 1988 a Stuxnet nel 2010, sottolinea un aspetto critico del nostro mondo digitale: la minaccia costante e in evoluzione rappresentata dal software maligno.

Questi esempi, che hanno causato danni e interruzioni significative, evidenziano l’importanza della vigilanza e delle misure proattive nella sicurezza informatica. Servono a ricordare le potenziali vulnerabilità dei nostri sistemi interconnessi e la necessità di essere sempre all’avanguardia nelle minacce informatiche.

Alla luce di queste minacce, l’importanza di una solida sicurezza informatica non può essere sopravvalutata. Investire in soluzioni di cybersecurity affidabili di marchi fidati come Norton, Avast, TotalAV, Bitdefender, McAfee, Panda e Avira è fondamentale. Questi fornitori offrono funzioni di protezione avanzate che proteggono dalle altre minacce informatiche.

Queste soluzioni antivirus offrono una sicurezza a più livelli, tra cui il rilevamento delle minacce in tempo reale, la valutazione delle vulnerabilità del sistema e funzioni avanzate come la protezione contro il ransomware e la protezione contro il furto d’identità.

Scegliendo un programma antivirus affidabile, gli utenti possono ridurre in modo significativo il rischio di cadere vittima della prossima generazione di worm informatici e altre minacce informatiche, garantendo la loro sicurezza digitale e l’integrità dei loro dati personali e professionali.

Fonti

  1. FBI.gov
  2. FBI.gov
  3. Wired.com
  4. Researchgate.net
  5. CNET.com
  6. Welivesecurity.com
  7. Nordvpn.com
  8. MAC-solutions.net

 

 

Autore: Tibor Moes

Autore: Tibor Moes

Fondatore e capo redattore di SoftwareLab

Tibor ha testato 39 antivirus e 30 VPN, e ha studiato cybersecurity all'Università di Stanford.

Utilizza Norton per proteggere i suoi dispositivi, CyberGhost per la sua privacy e Dashlane per le sue password.

Può trovarlo su LinkedIn o contattarlo qui.